remove_action('wp_head', 'wp_generator'); Fondo documentario e librario "Guerra civile spagnola" - Grossetocontemporanea

Fondo documentario e librario “Guerra civile spagnola”

Nel corso dei quattro progetti di ricerca finora finanziati, l’Isgrec ha raccolto numeroso materiale bibliografico ed archivistico sul tema della guerra civile spagnola, dando vita a una piccola biblioteca specializzata e ad alcuni fondi archivistici dedicati.

Fra le pubblicazioni, spiccano per rarità, almeno nel contesto delle biblioteche italiane, i numerosi testi relativi ai campi di internamento/concentramento del sud della Francia; si tratta di una ventina di volumi in francese, anche edizioni locali reperite presso le librerie di Perpignan e il museo del campo di Vernet nel corso dei viaggi di ricerca. Presso l’Isgrec sono inoltre presenti i principali strumenti necessari a chi si avvicina alla storia del volontariato italiano in Spagna: tutti i quaderni e le pubblicazioni dell’Aicvas, i principali Dizionari biografici editi in Italia, una selezione di tesi di laurea sull’argomento e alcune opere fondamentali come, ad esempio, l’ancora ineguagliata bibliografia di Nanda Torcellan (Gli italiani in Spagna: bibliografia della guerra civile spagnola, 1988). Va evidenziata anche la presenza presso la biblioteca dell’Isgrec di volumi rari come le autobiografie di Luigi Longo (Le Brigate internazionali in Spagna, 1956), Randolfo Pacciardi (Il Battaglione Garibaldi. Volontari italiani nella Spagna repubblicana, 1945) e Francesco Fausto Nitti (Il maggiore è un rosso, 1953). Cruciale, infine, è il costante aggiornamento della raccolta, che si accresce via via grazie all’acquisto tempestivo delle più recenti e dibattute pubblicazioni sulla guerra civile spagnola e all’abbonamento a riviste del settore, in primo luogo quello a «Spagna Contemporanea».

Anche per quanto riguarda i documenti d’archivio presenti in copia o in originale presso l’archivio Isgrec, occorre ricordare in primo luogo la documentazione raccolta presso gli archivi francesi. Si tratta di materiale di vario genere frutto delle ricerche svolte presso

–          gli Archives Nationales de France a Parigi;

–          gli Archives départementales des Pyrénées Orientales a Perpignan;

–          gli Archives départementales de l’Ariège a Foix;

–          la Bibliothèque de Documentation Internationale Contemporaine di Nanterre.

Fra il materiale visionato all’estero e consultabile in copia in formato digitale a Grosseto va anche segnalato quello raccolto presso l’archivio del Ministerio Asuntos Exteriores a Madrid, mentre è stato un archivio italiano, la Fondazione Istituto Gramsci di Roma, a permettere la consultazione e la parziale trascrizione dei documenti del Fondo 545 delle Brigate internazionali di Mosca.

Sul piano locale, invece, i ricercatori hanno accuratamente riprodotto in formato digitale:

–          i fascicoli personali del Casellario politico di molti volontari toscani e grossetani conservati presso l’Archivio di Stato di Roma;

–          documenti vari raccolti presso l’archivio dell’Associazione Italiana Combattenti Volontari Antifascisti in Spagna di Milano;

–          materiale concesso in copia dagli archivi di Stato di Firenze, Grosseto, Livorno, Lucca, Massa Carrara, oltre che dalla rete degli Istituti della Resistenza toscani.

Infine, l’archivio Isgrec si è arricchito nel corso degli anni di alcuni rilevanti archivi di famiglia, come ad esempio quello del volontario aretino Aureliano Santini depositato presso l’istituto dal 2011 e quello, recentemente acquisito in copia, del “Trueba”, il grossetano Angelo Rossi partito alla volta della Spagna con una piccola imbarcazione finanziata dagli antifascisti locali; fra i materiali di quest’ultimo fondo spiccano numerosi giornali d’epoca, sia italiani sia spagnoli, e alcune audio registrazioni dedicate in maniera specifica alla  guerra di Spagna, attualmente in corso di digitalizzazione.

 

Comments are closed.

Customer Service

Extras

Text Widget

Aliquam ut tellus ligula. Nam blandit massa nec neque rutrum a euismod t ellus ultricies! Phasellus nulla tellus, fringilla quis tristique ornare, condi mentum non erat. Aliquam congue or nare varius.